Visioni lancinanti

Visioni lancinanti

Vacui sguardi
aurore attese
su gelidi laghi
bianco il colore
acceso il riflesso
arancio il succo
del tuo mondo
Iperborea
distesa errante
boschi d’acciaio
e neon
e fragili dita

Palmi
Oggetti
Visioni lancinanti
Ed il suono

Hai vomitato
tanta bava
e convulsioni
sulle mattonelle
della luna
Nitida e pulita
metamorfosi
del mattino
Allo specchio
la tua pelle
luccica, luccica

La luna è finita
in pochi istanti
una lamina d’oro
e schegge roventi
nei castelli trasparenti
la nebbia
aveva dileguato
la roccia che scende
È la fine
ossa della luna
è una storia da spedire altrove
Ma cazzo
come siamo finiti qui dentro
Maledetta bestiaccia
dallo sguardo implorante
il mattino è un graffio
di libertà

Testo / Musica: Mario vari

Leave a Reply

  

  

  

16 − quattro =

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>