Fiabe leccate

Fiabe leccate

La città è blu
rettili sulle strade
docili mostri
nell’anima guidati
glocalizzati
schiavi del luogo
Angeli togati
virtuali onnipotenti
modellano sistemi
tecno – giuridici

Fiabe leccate
sui muri
sorridono

Un regno di puttane
nell’ovatta rosa
un primo piano
plana sull’Angelo
che ti rende
uomo immortale
soffia luce
sui tuoi fianchi
nuvole bionde
ci hanno divorato

Fiabe leccate
sui muri
sorridono

Retina bambina
crudele e pura
terra vergine
landa dispersa
sei accarezzata
da vento e polvere
miscuglio d’amore e potenza e sete
il leader ha parole rassicuranti
eserciti e greggi
hanno nuove immagini

Fiabe leccate
sui muri
sorridono

Testo / Musica: Mario Vari

Leave a Reply

  

  

  

4 × 3 =

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>