6:15

6:15

Umidità
cosce della città
e ragni asfissiati
amanti dilaniati
sento la tua faccia
entrando nelle braccia
vedo il tuo volto
voglio e t’ascolto
ma poi passo del tempo
con il mio tormento

Salgo sul tuo corpo
Sono le sei e un quarto

Umidità
cosce della città
mordo il tuo collo
salgo a cavallo
ci sono tante stelle
l’amianto e la pelle
ma sono io lo stolto
voglio e t’ascolto
ma poi passo del tempo
con il mio tormento

Salgo sul tuo corpo
Sono le sei e un quarto

Umidità
cosce della città
vedo la tua stella
nella mia pupilla
buco il tuo spazio
fine del silenzio
vedo il tuo volto
voglio e t’ascolto
ma poi passo del tempo
con il mio tormento.

Testo / Musica: Mario Vari / Giannicola D’Angelo – Mario Vari

Leave a Reply

  

  

  

quattordici − 7 =

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>